SOMMERSO TURISTICO A ORVIETO - ORA IL COMUNE PUÒ DARE LA CACCIA A OLTRE 250 STRUTTURE RICETTIVE FANTASMA

Sono 415 - tra appartamenti privati, B&B, affittacamere e al netto degli alberghi - le strutture ricettive di Orvieto che si promuovono sul web. Al 31 marzo 2018, però, l’elenco ufficiale della Regione Umbria ne censiva appena 165, alberghi compresi.


Sommerso turistico a Orvieto: ora il Comune

può dare la caccia

a oltre 250 “strutture ricettive fantasma”

Sono 415 - tra appartamenti privati, B&B, affittacamere e al netto degli alberghi - le strutture ricettive di Orvieto che si promuovono sul web. Al 31 marzo 2018, però, l’elenco ufficiale della Regione Umbria ne censiva appena 165, alberghi compresi.

Il sommerso turistico nel territorio, come più volte denunciato da Federalberghi, è dunque particolarmente esteso; ma ora il Comune di Orvieto ha gli strumenti conoscitivi per farlo emergere, sottoporlo agli stessi controlli e alle stesse regole valide per tutti coloro che operano alla luce del sole. Imposta di soggiorno compresa, con evidenti e immediati benefici per le casse comunali.

Federalberghi della provincia di Terni Confcommercio ha infatti analizzato tutta l’offerta turistico ricettiva orvietana presente sul web e ha consegnato i risultati di questa indagine nelle mani del sindaco Giuseppe Germani e dell’assessore al turismo Andrea Vincenti.

“Attendiamo fiduciosi il risultato di questo lavoro - commenta Stefano Martucci, rappresentante di Federalberghi Orvieto. “Il sommerso turistico a Orvieto ha dimensioni abnormi, che non si riscontrano in altri territori dell’Umbria. Questo provoca un danno enorme alle strutture che operano nella legalità e un considerevole mancato guadagno al Comune. Pensiamo solamente agli incassi relativi all’imposta di soggiorno, e al buco di risorse che potrebbero essere destinate proprio a sviluppare il settore turistico.

E’ il momento di affrontare con decisione questo fenomeno e l’amministrazione comunale ha assunto un impegno proprio in questo senso”.

Nei giorni scorsi, infatti, sono proseguiti gli incontri tra i vertici dell’amministrazione comunale e i rappresentanti di Federalberghi sul territorio, che hanno presentato al sindaco Germani e all’assessore Vincenti un progetto di promozione turistica, da realizzare in sinergia tra pubblico e privato.

“Stiamo lavorando anche con la Regione per cercare ulteriori risorse che ci consentano di lavorare per la riqualificazione della nostra offerta ricettiva”, aggiunge Stefano Martucci. “Negli incontri con l’amministrazione comunale abbiamo spesso sottolineato il disagio persistente di un settore che a Orvieto ha ancora problemi rilevanti, e una identità turistica da ricostruire nell’immediato futuro, per ridare al territorio il giusto appeal.

Gli imprenditori di Federalberghi Confcommercio sono intenzionati a dare, fino in fondo, il proprio contributo”.

Perugia 24 maggio 2018

redazione@confcommercio.umbria.it



 43 - Orvieto Federalberghi.doc

Pubblicato il 05/06/2018






Visualizza comunicati nazionali


PONTE OGNISSANTI 2018 - OLTRE 7 MILIONI DI ITALIANI IN VIAGGIO

7,3 milioni di italiani in viaggio per il pont...

TURISMO, ABUSIVA UNA STRUTTURA SU DUE

Allarme abusivi nel turismo dell'Umbria

IL MINISTRO CENTINAIO PARTECIPA ALLA GIUNTA DI FEDERALBERGHI

Il Ministro del Ministro delle Politiche Agricole...

Come ripensare la ristorazione - ebook

Federalberghi, in collaborazione con GpStudios, h...

Disegno di legge di bilancio 2019

La Camera ha iniziato l'esame del disegno di legg...

Piattaforma europea per le startup

Hotrec, la confederazione europea delle impres...