Home -> Primo Piano

ETICHETTATURA E INDICAZIONE DEGLI ALLERGENI

 etichettatura e indicazione degli allergeni - Disciplina sanzionatoria e adeguamento della normativa nazionale al regolamento UE n. 1169 del /2011 

Il 9 maggio 2018 entrerà in vigore il decreto legislativo 15 dicembre 2017 n. 231, che adegua la normativa nazionale alle disposizioni contenute nel regolamento europeo sulla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori, e stabilisce le relative sanzioni (Gazzetta Ufficiale n. 32 dell'8 febbraio 2018).


Per quanto di specifico interesse, il comma 8 dell'articolo 19 conferma che per gli alimenti non preimballati forniti dalle collettività (intendendosi per tali qualunque struttura, compreso un veicolo o un banco di vendita fisso o mobile, come ristoranti, mense, scuole, ospedali e imprese di ristorazione in cui, nel quadro di un'attività imprenditoriale, sono preparati alimenti destinati al consumo immediato da parte del consumatore finale) è obbligatoria solo l'indicazione degli allergeni elencati nell'allegato II del regolamento europeo.


Tale indicazione deve essere fornita, in modo che sia riconducibile a ciascun alimento, prima che lo stesso venga servito al consumatore finale e deve essere apposta su menù o registro o apposito cartello o altro sistema equivalente, anche digitale, da tenere bene in vista. In caso di utilizzo di sistemi digitali, le informazioni fornite dovranno risultare anche da una documentazione scritta e facilmente reperibile sia per l'autorità competente sia per il consumatore finale. In alternativa, può essere riportato l'avviso della possibile presenza delle medesime sostanze o prodotti che possono provocare allergie o intolleranze, sul menù, sul registro o su un apposito cartello che rimandi al personale cui chiedere le necessarie informazioni che devono risultare da una documentazione scritta e facilmente reperibile sia per l'autorità competente sia per il consumatore finale.


Il decreto legislativo prevede anche la necessità di indicare se un prodotto è «decongelato», fatti salvi i casi di deroga previsti dal regolamento europeo. L'allegato VI, punto 2, del regolamento europeo prevede che tale obbligo non si applichi:

  • agli ingredienti presenti nel prodotto finale;
  • agli alimenti per i quali il congelamento costituisce una fase tecnologicamente necessaria del processo di produzione;
  • agli alimenti sui quali lo scongelamento non produce effetti negativi in termini di sicurezza o qualità.


Inoltre, il decreto legislativo prevede che le acque idonee al consumo umano non preconfezionate, somministrate nelle collettività ed in altri esercizi pubblici, debbano riportare, ove trattate, la specifica denominazione di vendita «acqua potabile trattata» o «acqua potabile trattata e gassata» se è stata addizionata di anidride carbonica.


Relativamente alle sanzioni, l'articolo 23 stabilisce che, salvo che il fatto costituisca reato, l'operatore del settore alimentare che omette, nella fase di somministrazione di alimenti, di indicare le sostanze o prodotti che possono provocare allergie o intolleranze, è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 3.000 euro a 24.000 euro.


Nel caso in cui l'indicazione delle sostanze o prodotti che possono provocare allergie o intolleranze è resa con modalità difformi da quelle previste nel comma 8 dell'articolo 18 del decreto legislativo in oggetto, all'operatore del settore alimentare si applica la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 1.000 euro a 8.000 euro.


Quando la violazione riguarda solo aspetti formali, essa comporta l'applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 500 euro a 4.000 euro.



Ricordiamo che, al fine di agevolare la corretta attuazione delle prescrizioni del regolamento europeo, Federalberghi ha realizzato il "taccuino degli allergeni", al quale il Ministero dello Sviluppo Economico ha concesso il proprio patrocinio

Da richiedere alla segreteria dell'Associazione

 




PONTE OGNISSANTI 2018 - OLTRE 7 MILIONI DI ITALIANI IN VIAGGIO

7,3 milioni di italiani in viaggio per il pont...

TURISMO, ABUSIVA UNA STRUTTURA SU DUE

Allarme abusivi nel turismo dell'Umbria

IL MINISTRO CENTINAIO PARTECIPA ALLA GIUNTA DI FEDERALBERGHI

Il Ministro del Ministro delle Politiche Agricole...

Come ripensare la ristorazione - ebook

Federalberghi, in collaborazione con GpStudios, h...

Disegno di legge di bilancio 2019

La Camera ha iniziato l'esame del disegno di legg...

Piattaforma europea per le startup

Hotrec, la confederazione europea delle impres...